23 aprile 2017
Aggiornato 07:30
Calcio | Serie A

Juve facile sul Chievo. Ora il Barcellona: «Niente è impossibile»

La Juve archivia la pratica Chievo vincendo 2-0 con doppietta di Higuain e centra così la 32ª vittoria consecutiva in casa in campionato. Atalanta-Sassuolo 1-1: a Pellegrini risponde Cristante.

Higuain non si ferma e trascina la Juve: Chievo ko e Barca avvisato (© ANSA)

TORINO - «Stasera stanchi, ma con il Barca si può fare». La Juve archivia la pratica Chievo vincendo 2-0 con doppietta di Higuain e centra così la 32ª vittoria consecutiva in casa in campionato. Un successo che, in attesa di Bologna-Roma di oggi, permette ai bianconeri di portarsi momentaneamente a più nove in classifica sui giallorossi primi inseguitori. Ed il pensiero ora va alla supersida di Champions. «Venivamo da due partite con il Napoli di grande intensità fisica e mentale, tornando a Torino alle 4 di notte» continua il tecnico bianconero.

Allegri: «Niente è impossibile»
«La loro sconfitta di questa sera in Liga non cambia assolutamente niente: sono abituati a giocare queste partite. Anzi, questa sconfitta potrebbe farli scendere in campo ancora più concentrati. Con il Barcellona devi essere bravo a uscire dalla prima aggressione, nel mettere pressione al loro portatore di palla. Ma soprattutto dovremo giocare una partita perfetta sul piano tecnico, altrimenti non ne usciamo fuori». Ricordando la finale persa nel 2015 risponde: «Difficile dire se siamo più vicini a loro rispetto al allora, la cosa importante è passare il turno. Niente è impossibile».

Atalanta-Sassuolo 1-1: a Pellegrini risponde Cristante
Si ferma contro il Sassuolo la rincorsa alla Champions League dell'Atalanta. La squadra di Gasperini pareggia 1-1, di Pellegrini e Cristante le reti, e nonostante resti al quinto posto rischia di vedersi avvicinare Milan e Inter riaprendo così la lotta per l'Europa League. Parte subito forte l'Atalanta che sfiora il vantaggio dopo soli 7' con Gomez, ma il suo tiro a giro termina a lato. Quattro minuti dopo sono ancora gli orbici a rendersi percolosi, sempre con Gomez che però colpisce il palo. Al primo vero affondo però passa in vantaggio il Sassuolo: Pellegrini ruba palla a Caldara che si invola da solo verso la porta di Berisha e insacca per l'1-0. Nella ripresa l'Atalanta si riversa in attacco alla ricerca del pareggio. Al 3' è Masiello a sfiorare il pareggio con un colpo di testa in tuffo e nel momento di massima pressione trova il pareggio. Al 73' Cristante realizza l'1-1 di testa sfruttando una punizione tagliata dalla sinistra di Gomez. Passa un minuto e la squadra di Gasperini ha l'occasione per ribaltare il punteggio ma il tiro di Grassi è salvato con la punta delle dita da Consigli. Quattro minuti dopo è Caldara a sfiorare la rete a tu per tu con il portiere del Sassuolo che però devìa in angolo. L'ultima occasione del match capita sempre all'Atalanta con Mounier che servito di testa da Petagna si divora il 2-1 colpendo male la palla.