28 maggio 2017
Aggiornato 14:00
Calcio | Champions League

Lewa, Vidal, Thiago furiosi. Assalto all'arbitro Kassai

I tre avrebbero fatto irruzione nello spogliatoio del fischietto. Anche il tecnico del Bayern, Carlo Ancelotti ci va giù duro con l'arbitro: «Le decisioni arbitrali ci hanno penalizzato molto». Rummenigge: «Ci ha truffato»

Rabbia Bayern, irruzione dei giocatori nello spogliatoio dell'arbitro (© ANSA)

MADRID - Non è andata giù la prestazione dell'arbitro Kassai ad alcuni giocatori del Bayern Monaco dopo l'eliminazione dai quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid. La squadra tedesca protesta per alcuni errori come l'espulsione di Vidal e le due reti ai supplementari di Cristiano Ronaldo. Secondo la stampa spagnola sono dovuti intervenire gli agenti di polizia per allontanare tre giocatori della squadra tedesca (Vidal, Lewandowski e Thiago Alcantara) che si erano recati nello spogliatoio della terna arbitrale per discutere con il fischietto ungherese.

Ancelotti: «Meritavamo di più»
Anche il tecnico del Bayern, Carlo Ancelotti ci va giù duro con l'arbitro: «Abbiamo giocato molto bene e meritavamo di più. Le decisioni arbitrali ci hanno penalizzato molto. Il secondo giallo di Vidal non doveva esserci. Serviva un referee di maggior qualità in una partita come questa o serviva la video-assistenza, ci sono stati troppi errori». A dire la sua a fine gara è stato lo stesso Vidal: «E' difficile accettare un furto del genere, siamo stati eliminati per colpa dell'arbitro. C'erano due loro fuorigioco sui gol e io sono stato espulso ingiustamente. Nel nostro spogliatoio a fine gara c'era molta rabbia. Una sfida così intensa non doveva essere decisa dall'arbitro».

Rummenigge contro l'arbitro: «Ci ha truffato»
Anche Karl-Heinz Rummenigge, a.d. del Bayern Monaco ci va giù duro contro il fischietto ungherese: «Siamo stati truffati nel vero senso della parola, è la prima volta che sento tanta rabbia dentro di me per una partita. Si sa che nel calcio cose di questo genere possono succedere, ma una serie di tanti errori come quelli che abbiamo visto no», grida a gran voce Rummenigge che poi ha invocato l'utilizzo della Var sostenendo che «non è ammissibile subire certe decisioni nei quarti di finale di Champions League».